Perché i medici sbagliano sul colesterolo

RIASSUNTO

Il colesterolo è una sostanza cerosa che si trova in quasi tutte le cellule del corpo umano ed è essenziale per una buona salute. Svolge un ruolo nella produzione di ormoni, nella digestione, nella produzione di vitamina D dopo l’esposizione al sole e aiuta a proteggere le membrane cellulari.

I fattori di rischio più rilevanti per le malattie cardiovascolari sono l’insulino-resistenza, il diabete di tipo 2 e l’infiammazione cronica associata a queste condizioni.

Esistono anche altri fattori in gioco, come il modo in cui si mangia e fattori legati allo stress, sia fisico che psicologico.

Il danno degli strati interni delle arterie precede le malattie cardiache e questo danno può essere indotto da una serie di fattori, tra cui fumo, ipertensione, glicemia elevata e infiammazione

Una volta che l’arteria è danneggiata, la placca ricca di colesterolo inizia ad accumularsi come meccanismo protettivo. I problemi sorgono quando il tasso di danno e la conseguente formazione di coaguli di sangue fuoriescono o superano la capacità del corpo di riparare.

Lo stress Incrementa il rischio di malattia cardiovascolare (CVD).

Alcuni studi dimostrano che i legami tra stress e aumento dei livelli di insulina  e fattori di coagulazione del sangue sono matematici e citano dati che mostrano che i tassi di mortalità da malattie cardiovascolari sono eventi stressanti paralleli che colpiscono persino un’intera nazione.

Ad esempio, nel 1989 in Lituania, il tasso di malattie cardiache salì alle stelle, anno in cui l’Unione Sovietica collassò. Questo modello può essere visto anche in altri paesi europei. Nel frattempo, l’ipotesi causale dell’LDL (colesterolo cattivo) è  stata smentita da una serie di studi. Uno studio del British Medical Journal ha esaminato i livelli di LDL nelle persone di età superiore a 60 anni, trovando che quelli con i livelli più alti di LDL avevano in realtà la mortalità complessiva più bassa, inclusa la mortalità da CVD. 9

Fattori che incrementano il rischio cardiovascolare.

Per una buona salute CV, è bene mantenere un equilibrio tra un sangue che coagula troppo e un sangue che non si coagula quando ce n’è bisogno. 14 Esistono oltre 30 fattori capaci di alterare questo equilibrio, e ce ne sono molti altri. In questo elenco abbiamo:

  • Uso di certi farmaci, incluso steroidi orali, omeprazolo, Avastin e talidomide
  • Malattie come la malattia di Cushing, la malattia di Kawasaki, l’artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, la malattia renale cronica e l’insufficienza renale acuta, l’anemia falciforme, la malaria e il diabete di tipo 2, nonché le infezioni batteriche e virali
  • Stress fisico e mentale acuto e stress mentale cronico
  • Esposizione di metalli pesanti, inclusi piombo e mercurio
  • Alcune carenze nutrizionali, comprese le carenze di vitamine B e C.

Successivamente ci sono fattori che promuovono la formazione di coaguli di sangue e / o ne inibiscono la dissoluzione, tutti fattori che aumentano anche il rischio di CVD. Ancora una volta, ci sono molti fattori che possono farlo, inclusi ma non limitati a:

  • Livelli elevati di lipoproteina (a), zucchero nel sangue, lipoproteina a densità molto bassa (VLDL) e fibrinogeno (il fibrinogeno si lega strettamente al coagulo di sangue, creando una spina dura, con eccesso di fibrinogeno nel sangue, si può finire con più grande, più duro per sciogliere i coaguli di sangue)
  • Disidratazione
  • Ormoni dello stress come il cortisolo
  • Antifiammatori non steroidei
  • Stress mentale e / o fisico acuto

Infine, ci sono fattori che danneggiano il sistema di riparazione del corpo, cioè la formazione di un nuovo strato endoteliale sopra il coagulo di sangue e la rimozione dei detriti dal coagulo di sangue, e anch’essi aumentano il rischio di CVD. I fattori che impediscono la formazione di nuove cellule endoteliali includono ma non sono limitati a:

  • Alcuni farmaci come Avastin, talidomide, omeprazolo e qualsiasi farmaco che abbassa la sintesi di ossido nitrico (al contrario, tutto ciò che aumenta l’ossido nitrico nel nostro corpo ridurrà il rischio di malattie cardiache15)
  • Vecchiaia
  • Malattia renale cronica
  • Diabete di tipo 2
  • Inattività (mancanza di esercizio fisico)

I fattori che compromettono la clearance dei detriti all’interno della parete arteriosa includono:

  • Uso di steroidi orali, farmaci immunosoppressori, alcuni farmaci antinfiammatori e molti farmaci antitumorali
  • Età
  • Stress psicologico negativo cronico

Il ruolo dell’infiammazione nelle malattie cardiovascolari

Mentre l’infiammazione cronica è riconosciuta come un fattore che contribuisce alle malattie cardiovascolari, non tutte le infiammazioni sono negative. Infatti, l’uso di farmaci anti-infiammatori (che possono compromettere l’infiammazione acuta utile) è stato collegato ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, il che suggerisce che non è mai intelligente interferire con la risposta di guarigione alle lesioni arteriose 16

Il vero motivo per cui l’infiammazione cronica viene vista come una possibile causa di CVD è dovuta al fatto che i marker infiammatori possono essere aumentati nella CVD. Ciò dimostra invece che nelle persone con CVD si verificano molti danni con maggiore riparazione in corso, quindi i valori infiammatori sono sollevati in quanto essa è l’unico modo che conosce l’organismo per guarire.

Tuttavia, la medicina ufficiale ha deciso di considerare tutto ciò in modo opposto. Vedendo molta infiammazione hanno decretato che l’infiammazione sia la causa della CVD – piuttosto che il contrario. Come abbiamo visto prima, le possibili concause sono numerose. L’ipotesi del colesterolo LDL non ha senso, è sbagliata e non si adatta con altri fattori noti per causare CVD.

La teoria trombogenica, d’altra parte, si adatta a quasi tutto ciò che è noto sulla CVD. Afferma che ci sono tre processi interconnessi che aumentano il rischio di CVD:

  • Aumento del tasso di danni allo strato endoteliale dei vasi
  • Formazione di un coagulo di sangue più grande o più difficile da rimuovere in quel punto
  • Riparazione alterata / rimozione del coagulo di sangue residuo.

Qualsiasi fattore che provoca una di queste tre cose può aumentare il rischio di CVD e quindi ciò significa che – nella maggior parte dei casi – la CVD non ha una singola causa specifica. Dovrebbe, invece, essere vista come un processo in cui il danno supera la riparazione, causando lo sviluppo di placche e la crescita – con un coagulo di sangue finale, fatale, che causa l’evento terminale.

Maggior evidenza che il colesterolo non è il nemico.

Il Minnesota Coronary Experiment è stato uno studio condotto tra il 1968 e il 1973 che ha esaminato la relazione tra dieta e salute cardiaca.17 I ricercatori hanno utilizzato uno studio randomizzato in doppio cieco per valutare l’effetto dell’olio vegetale (ad alto contenuto di acido linoleico omega-6) rispetto ai grassi saturi, nella malattia coronarica e morte.

I risultati sono stati lasciati inediti fino al 2016, quando sono apparsi nel BMJ. Un’analisi dei dati raccolti ha rivelato che abbassare i livelli di colesterolo attraverso l’intervento dietetico non riduce il rischio di morte per malattia coronarica. Secondo i ricercatori 18 le prove disponibili da studi randomizzati controllati, mostrano che la sostituzione del grasso saturo nella dieta con acido linoleico abbassa efficacemente il colesterolo nel siero, ma non supporta l’ipotesi che questo si traduca in un minor rischio di morte per malattia coronarica o per tutte le cause.

I risultati del Minnesota Coronary Experiment aggiungono alla crescente evidenza che la pubblicazione incompleta ha contribuito a sovrastimare i benefici della sostituzione del grasso saturo con oli vegetali ricchi di acido linoleico.

I ricercatori hanno scoperto che per ogni calo di 30 punti nel colesterolo totale, c’era un aumento del 22% nel rischio di morte per malattia cardiaca. All’autopsia, il gruppo che mangiava olio vegetale e il gruppo che mangiava grassi saturi aveva la stessa quantità di placche aterosclerotiche nelle arterie, ma il gruppo che mangiava grassi saturi ha sperimentato quasi la metà del numero di attacchi cardiaci rispetto al gruppo mangiava olio vegetale.

Allo stesso modo, un’analisi scientifica19 di tre grandi revisioni pubblicate dai sostenitori delle statine (che tentavano di convalidare l’attuale convinzione che il trattamento con statine prevenga le malattie cardiovascolari) concluse che i tre studi in questione non soddisfacevano i criteri di causalità e traevano conclusioni errate. Nello specifico, gli autori hanno trovato: 20

  • Nessuna associazione tra il colesterolo totale e il grado di gravità dell’aterosclerosi
  • I livelli di colesterolo totale non sono generalmente predittivi del rischio di malattie cardiache e possono essere assenti o inversi in molti studi
  • In molti studi l’LDL non era associato all’aterosclerosi e in un ampio studio negli Stati Uniti su circa 140.000 pazienti che hanno sofferto di un infarto miocardico acuto, i livelli di LDL al momento del ricovero erano inferiori al normale
  • Gli adulti di età superiore ai 60 anni con livelli di LDL più alti generalmente vivono più a lungo
  • Pochi adulti che soffrono di ipercolesterolemia familiare muoiono prematuramente

I ricercatori hanno concluso che i livelli elevati di colesterolo non possono essere la causa principale delle malattie cardiache, dal momento che le persone con bassi livelli hanno quasi lo stesso grado di sclerosi di quelli con alti livelli e il rischio di avere un infarto è lo stesso o maggiore quando i livelli di colesterolo sono bassi.

Ritengono che l’ipotesi sia stata mantenuta in vita dai revisori utilizzando statistiche fuorvianti ed escludendo i risultati da prove infruttuose ignorando numerose osservazioni contraddittorie. 21

Perché le Statine non sono consigliabili per la maggior parte

Mentre le linee guida dietetiche per gli americani non si concentrano più sulla riduzione del colesterolo alimentare per proteggere il cuore, e le linee guida sul trattamento del colesterolo americano hanno smesso di usare il colesterolo totale come misura del rischio di malattie cardiache, preferendo il colesterolo LDL elevato, siamo ancora lontani dal come prevenire al meglio le malattie cardiache.

Lo zucchero raffinato e il fruttosio trasformato sono infatti i principali fattori scatenanti delle malattie cardiache, quindi è qui che ci si dovrebbe concentrare e non tamponare il colesterolo con l’aiuto di farmaci come le statine (e / o evitare grassi sani saturi nella dieta).

L’unico sottogruppo che potrebbe beneficiare di una statina sono quelli nati con un difetto genetico chiamato ipercolesterolemia familiare, in quanto ciò li rende resistenti alle misure tradizionali di normalizzazione del colesterolo.

Ci sono molte ragioni importanti per cui non si dovrebbero assumere le statine. Le principali sono:

1. Non funzionano come pubblicizzato – Un rapporto del 2015 (22) pubblicato nella Expert Review of Clinical Pharmacology ha concluso che i sostenitori delle statine utilizzavano uno strumento statistico chiamato riduzione del rischio relativo per amplificare gli effetti benefici banali delle statine. Se si considera il rischio assoluto, le statine beneficiano solo l’1 percento della popolazione. Ciò significa che su 100 persone trattate con i farmaci, una persona avrà un infarto in meno.

Un’altra revisione sistematica 23 pubblicata nello stesso anno ha concluso che negli studi in cui la morte era l’evento finale primario di prevenzione, le statine assunte per un periodo fino a sei anni posticipavano la morte da 5 a 19 giorni. Negli studi di prevenzione secondaria, la morte è stata posticipata di 10-27 giorni.

Il rinvio medio della morte per la prevenzione primaria e secondaria era rispettivamente di tre o quattro giorni. Quando si considerano i molti pericoli per la salute associati a questi farmaci, questo beneficio minuscolo giustifica difficilmente il trattamento con statine.

2. Esauriscono il corpo di CoQ10 – Le statine bloccano il coenzima HMG-A reduttasi nel fegato, che è il modo in cui riducono il colesterolo. Questo enzima produce anche il CoQ10, un nutriente mitocondriale essenziale che facilita la produzione di ATP.

Come osservato in uno studio del 2010, 24 “Il coenzima Q10 è un fattore importante nella respirazione mitocondriale” e “Le carenze primarie e secondarie del coenzima Q10 determinano un certo numero di sindromi neurologiche e miopatiche”. Dal momento che compromettono la funzione mitocondriale, potrebbero potenzialmente influire su qualsiasi problema di salute, poiché senza mitocondri ben funzionanti, il rischio di malattia cronica aumenta in modo significativo.

3. Inibiscono la sintesi della vitamina K2, una vitamina che protegge le arterie dalla calcificazione.

4. Riducono la produzione di chetoni 25 – Sempre lo stesso enzima (HMG coenzima A reduttasi) inibisce anche la capacità del fegato di produrre chetoni, grassi idrosolubili che sono essenziali per mantenere il corpo metabolicamente flessibile. I chetoni sono anche importanti molecole di segnalazione molecolare. Quindi, le statine rendono praticamente impossibile raggiungere la chetosi nutrizionale.

5. le statine aumentano il rischio di altre gravi malattie, tra cui:

Insufficienza cardiaca – Principalmente a causa di carenza di CoQ10 indotta da statine 26,27

Cancro – La ricerca 28 ha dimostrato che l’uso di statine a lungo termine (10 anni o più) nelle donne ha più che raddoppiato il rischio di due tipi principali di carcinoma mammario: carcinoma duttale invasivo e carcinoma lobulare invasivo.

Diabete: è stato dimostrato che le statine aumentano il rischio di diabete attraverso una serie di meccanismi diversi, due dei quali comprendono l’aumento della resistenza all’insulina e l’aumento del livello di zucchero nel sangue.

Malattie neurodegenerative

Disturbi muscoloscheletrici e danni ai nervi motori – La ricerca 29 ha dimostrato che il trattamento con statine che dura più di due anni provoca “danni definiti ai nervi periferici”.

Cataratta

Problemi epatici 30,31

Supplementi nutrizionali cruciali e consigliati se si prende una statina

In caso decideste di prendere una statina, bisogna assumere anche CoQ10 o Ubichinolo (la forma ridotta). Uno studio ha valutato i benefici del CoQ10 e della supplementazione di selenio per i pazienti con miopatia associata alle statine. 32

Rispetto a quelli trattati con un placebo, il gruppo supplementato ha sperimentato meno dolore, diminuzione della debolezza muscolare e crampi nonchè meno affaticamento. Un supplemento di vitamina K2 è anche altamente raccomandato. MK-7 è la forma ideale ed è estratto dal prodotto giapponese chiamato natto estratto dalla soia fermentata.

I nuovi farmaci colesterolo non sono più sicuri

Per fortuna non ancora presenti in Italia (ma ci manca poco!) bisognerà fare molta attenzione a una nuova classe di inibitori dell’assorbimento del colesterolo chiamati inibitori PCSK9. 33 PCSK9 è una proteina che funziona sui recettori LDL che regolano l’LDL nel fegato e rilasciano il colesterolo LDL nel sangue. Gli inibitori bloccano la proteina, abbassando così la quantità di LDL che circola nel sangue; negli studi clinici, questi farmaci hanno abbassato le LDL di circa il 60%. Tuttavia, come discusso in precedenza, l’LDL non ha alcun rapporto diretto con il rischio CVD.

Mentre questi farmaci vengono reclamizzati come la risposta per coloro che non possono tollerare alcuni degli effetti collaterali degli altri farmaci, come il dolore muscolare grave, gli studi hanno già scoperto che gli inibitori PCSK9 possono produrre “effetti neurocognitivi”, come confusione mentale e deficit di attenzione. 34

Ci sono prove che suggeriscono che questi farmaci potrebbero essere addirittura più pericolosi delle statine.

Come evitare le malattie cardiache

In conclusione, ricordate che il colesterolo totale elevato e anche l’LDL sono insignificanti quando si cerca di determinare il rischio di malattie cardiache, e colesterolo e grassi saturi nella dieta non sono fattori che contribuiscono.

Probabilmente il miglior predittore per CVD è la sensibilità all’insulina. Considerando il modo in cui la resistenza all’insulina favorisce le malattie croniche in generale, non solo le malattie cardiache, consiglio vivamente di misurare l’insulina a digiuno su base regolare e di intraprendere un’azione immediata in caso di resistenza all’insulina.

Per quanto riguarda la prevenzione o l’inversione della resistenza all’insulina, le seguenti linee guida generali vi metteranno sulla strada giusta:

  1. .                Ridurre drasticamente i carboidrati netti ed eliminare il fruttosio trasformato, poiché è lui che mette in moto questa disfunzione metabolica. Sostituire le calorie perse con una maggiore quantità di grassi sani, non di proteine.
  2. .                Normalizzare il rapporto omega-3/ omega-6. Gli omega-3 sono sempre troppo scarsi. Si trovano nei pesci grassi come il salmone selvaggio dell’Alaska, le sardine, le acciughe, l’olio di pesce e l’olio di krill. Gli omega-6 invece sono troppi, poiché abbondanti negli oli vegetali lavorati e quindi negli alimenti lavorati e fritti.
  3. .                Ottimizzare il livello di vitamina D ottenendo un’esposizione solare regolare e sensibile. Altre sostanze nutritive importanti includono magnesio e vitamine K2 e C.
  4. .                Cercare di ottenere otto ore di sonno ogni notte per normalizzare il sistema ormonale. La ricerca ha dimostrato che la privazione del sonno può avere un impatto significativo sulla sensibilità all’insulina.
  5. .                Allenarsi fisicamente regolarmente, poiché è un modo efficace per normalizzare la sensibilità all’insulina.

1, 4 ZoeHarcombe.com, We have got cholesterol completely wrong

Eating Well, How much does eating cholesterol in my food really affect my blood cholesterol?

Berkeley Wellness, September 1, 2011

Nourish Balance Thrive April 16, 2018 Interview Outline

6, 7, 9, 15 Nourish Balance Thrive April 16, 2018 Interview Transcript

Diabetes Care 2003 May; 26(5): 1651-1652

10, 11, 12, 13, 14, 16 Dr. Malcolm Kendrick, What Causes Heart Disease, Part 59

17, 18 The BMJ, 2016; 353: i1246

19, 20, 21 Expert Review of Clinical Pharmacology, September 10, 2018, doi.org/10.1080/17512433.2018.1519391

22 Expert Rev Clin Pharmacol. 2015 Mar;8(2):201-10.

23 BMJ Open September 24, 2015: 5(9)

24 Ochsner Journal 2010 Spring; 10(1): 16–21

25 J Med Food. 2013 Nov;16(11):965-7

26 American Journal of Clinical Nutrition 2013 Feb;97(2):268-75

27 Thecholesteroltruth.com May 30, 2013

28 Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2013 Sep;22(9):1529-37.

29 Neuro Endocrinol Lett. 2011;32(5):688-90

30 ZoeHarcombe.com March 24, 2015

31 Lipotor Patient Leaflet

32 Canadian Journal of Physiology and Pharmacology 02/2013; 91(2):165-70

33 Bilazarian S, Sabatine MS. PCSK9 Inhibitors: What to Know If They Come to Market. Medscape. April 28, 2015. Online (Requires free subscription).

34 Drugs.com. New Drug Class Slashes ‘Bad’ Cholesterol, Review Finds. Drugs.com. April 27, 2015. Online.

35 Critical Pathways in Cardiology, 2007;6(2):51

36 The American Journal of Cardiology, 2002;89(5):596

37 American Journal of Cardiology March 1, 2002; 89(5): 596-599