A cosa serve il rosmarino?

Fin dalle sue primordiali origini mediterranee, la fragranza del rosmarino simile a quella degli agrumi, ha impreziosito giardini, cucine e speziali in tutto il mondo. Il rosmarino è legato alla menta e ricorda la lavanda, con foglie come aghi di pino piatti e toccati con argento.

Il rosmarino è una di quelle erbe con mille usi. È estremamente resistente e quindi facile da coltivare e mantenere dentro o fuori. All’interno, richiede molta luce ma non troppo calore e aria umida. Spruzzare la pianta con acqua alcune volte a settimana. Aggiungere un rametto intero alle zuppe di verdure per un sapore luminoso e unico.

Al momento dell’acquisto del rosmarino, quello fresco è superiore perché è più sottile rispetto alla forma secca pungente. Il rosmarino fresco può essere conservato in frigorifero in una busta per diverse settimane; il rosmarino essiccato deve essere conservato in un contenitore ermetico in un luogo fresco, buio e asciutto da conservare per diversi mesi.

Per preparare l’olio infuso con rosmarino, mettere un rametto o due di foglie di rosmarino completamente asciutte in un barattolo di vetro, aggiungere olio d’oliva, rimettere il coperchio e scuotere leggermente. Conservare in un luogo caldo e buio per due settimane, filtrare e quindi versare nuovamente nel barattolo di vetro. Si può mescolare con l’aceto balsamico per condire un’insalata per un delizioso condimento.

Benefici del rosmarino per la salute

Per secoli, uno degli usi medicinali più comuni per il rosmarino ha implicato il miglioramento della memoria, non solo per il sapore che aggiunge al cibo. Questa erba, in particolare i fiori, contiene acido rosmarinico antibatterico e antiossidante, oltre a diversi oli essenziali come cineolo, canfene, borneolo, acetato di bornyl e α-pinene che hanno proprietà anti-infiammatorie, anti-fungine e antisettiche .

La maggior parte delle ricette richiede un paio di cucchiaini di rosmarino o 100 grammi. La stessa quantità fornisce il 16% del valore giornaliero di vitamina A per le proprietà antiossidanti contro i radicali liberi, protezione della vista, pelle sana e membrane mucose e una maggiore protezione dai tumori del polmone e della bocca. Principalmente noto per combattere l’infezione, il contenuto di vitamina C sintetizza il collagene, la proteina necessaria per i vasi sanguigni, organi, pelle e ossa.

Il manganese, un altro dei minerali più importanti nel rosmarino, svolge un ruolo antiossidante critico nel corpo – in particolare aiutato dal suo cofattore superossido dismutasi – che è associato ad abbassare il rischio di cancro, in particolare il cancro al seno.

Il rosmarino contiene anche ferro (parte dell’emoglobina all’interno dei globuli rossi, che determina la quantità di ossigeno che il sangue trasporterà) e il potassio (un componente nei fluidi cellulari e corporei che aiuta a controllare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna). Ci sono anche fibre, rame, calcio e magnesio e un’abbondanza di vitamine del gruppo B, come acido pantotenico, piridossina, riboflavina, folati, utili per la sintesi del DNA e per le donne appena prima del concepimento, che aiuta a prevenire i difetti del tubo neurale nei neonati.

Dati Nutrizionali

Dimensione della dose: 1 cucchiaio (2 grammi), fresco

Quantità  per dose Valutazione % giornaliera
Calorie 2
Calorie da grassi 1
Grasso Totale 0 g 0%
Saturato 0 g 0%
Trans
Colesterolo 0 mg 0%
Sodio 0 mg 0%
Carboidrati Totali 0 g 0%
Fibra 0.2 g 1%
Zucchero
Proteine 0 g
Vitamina A

1%

Vitamin C 1%
Calcium

0%

Iron 1%

Studi sul Rosmarino pubblicati

Alcuni scienziati hanno testato 144 volontari sani (che sono stati ingannati riguardo allo scopo dello studio) per valutare l’impatto olfattivo degli oli essenziali di lavanda, rosmarino e nessun odore (controllo) sulle prestazioni cognitive e sull’umore.

Ai soggetti, assegnando in modo casuale, sono stati dati questionari visivi analogici sia prima che dopo l’esposizione all’odore. Il rosmarino ha prodotto un miglioramento significativo delle prestazioni per la qualità complessiva della memoria e dei fattori secondari di memoria, ma ha anche prodotto una riduzione della velocità della memoria rispetto al controllo.

I gruppi di controllo e di lavanda erano significativamente meno vigili rispetto al gruppo di rosmarino, ma il gruppo di controllo era significativamente meno contenuto rispetto a rosmarino e lavanda. I risultati hanno indicato che la fragranza di questi oli essenziali può produrre effetti oggettivi sulle prestazioni cognitive e sull’umore 1.

Uno studio clinico controllato con placebo e dose-aumentata è stato condotto su polvere di foglie di rosmarino essiccata per via della sua reputazione tradizionale di ridurre il declino cognitivo negli anziani. La dose più bassa di rosmarino (750 ml) ha avuto un effetto benefico statisticamente significativo rispetto al placebo, mentre la dose più alta (6.000 mg) ha avuto un significativo effetto di compromissione, oltre a significativi effetti deleteri (meno consistenti) su altre misurazioni della performance cognitiva.

La velocità della memoria è un predittore potenzialmente utile della funzione cognitiva durante l’invecchiamento. L’effetto positivo della dose più vicina al normale consumo culinario è stato determinato per indicare il valore di ulteriori studi sulla sperimentazione a basso dosaggio / a lungo termine del rosmarino.2

Come studi recenti hanno dimostrato che il rosmarino ha proprietà chemiopreventive e terapeutiche, uno studio ha valutato l’attività anti-proliferazione dell’estratto di rosmarino contro le cellule tumorali ovariche umane e se i suoi tre principali ingredienti attivi carnosolo, acido carnosico e acido rosmarinico possano migliorare l’attività antiproliferativa di cisplatino (che può causare gravi effetti collaterali, come perdita dell’udito, problemi ai reni e gravi reazioni allergiche) 3. Lo studio ha dimostrato che l’estratto di rosmarino ha inibito la proliferazione delle linee di cellule di cancro ovarico 4.

Sommario

Ironico che il gusto e l’aroma del rosmarino, spesso usato per migliorare la memoria, sia indimenticabile? Questa antica erba del Mediterraneo, sia fresca che secca, è una delle più apprezzate per l’uso in cucina e può essere aggiunta a zuppe, tramezzini, formaggi, salse e anche per la produzione di olio infuso. Ma con l’ampia gamma di benefici nutrizionali forniti dal rosmarino, ciò che questa erba fa per la salute umana è davvero notevole.

La litania di vitamine e minerali nel rosmarino è lunga, come gli usi corrispondenti nel corpo. Composti e oli unici includono l’acido rosmarinico e oli essenziali come cineolo, canfene, borneolo, acetato di bornil e α-pinene, che forniscono proprietà antinfiammatorie, anti-fungine, antibatteriche e antisettiche. E la ricerca fornisce ampie prove che il rosmarino non solo migliora la memoria, ma aiuta a combattere il cancro.

Referenze:

1 http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12690999, Aromas of rosemary and lavender essential oils differentially affect cognition and mood in healthy adults, Oct. 2012

2 http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21877951, Short-term study on the effects of rosemary on cognitive function in an elderly population, Oct. 2012

3 http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/meds/a684036.html, Cisplatin Injection, Oct. 2012