Le statine prolungano la vita di pochi giorni

Una revisione sistematica del 2015 degli studi sulle statine ha rilevato che negli studi di prevenzione primaria, il rinvio medio della morte era di soli 3,2 giorni. Negli studi di prevenzione secondaria, la morte è stata posticipata di 4,1 giorni.

Una revisione del 2018 presenta prove sostanziali che i livelli di colesterolo totale e LDL non sono un’indicazione del rischio di malattie cardiache e che il trattamento con statine è di “beneficio dubbio” come una forma di prevenzione primaria per questo motivo.

Le tattiche utilizzate negli studi sulle statine per esagerare i benefici includono l’esclusione di studi non riusciti, ignorare il risultato più importante – aumento dell’aspettativa di vita – e l’utilizzo di uno strumento statistico chiamato riduzione del rischio relativo per amplificare effetti insignificanti.

Se si considera il rischio assoluto, le statine danno beneficio solo all’1% dei partecipanti trattati. Su 100 persone trattate con statine per cinque anni, una persona avrà un infarto in meno.

Le sperimentazioni sulle statine minimizzano i rischi per la salute usando un periodo di rodaggio.  Ai partecipanti viene somministrato il farmaco per alcune settimane, dopodiché vengono semplicemente esclusi coloro che soffrono di effetti avversi, riducendo così la frequenza percepita e la gravità degli effetti collaterali

The Journal of Clinical Investigation 2000 Aug 15; 106(4): 453–458

European Scientist March 9, 2019

Expert Rev Clin Pharmacol. 2015 Mar;8(2):201-10 (Full Study PDF), How statistical deception created the appearance of statins as ‘miracle drugs’ Page

Expert Review of Clinical Pharmacology, September 10, 2018; 11(10): 959-970, 6.3 The benefit from statin treatment has been questioned

Expert Review of Clinical Pharmacology, September 10, 2018; 11(10): 959-970, 6.4 Adverse effects from statin treatment

Drugs.com Simvastatin Pregnancy Warning