Il tipo di grasso che si mangia influisce sul rischio COVID

  • • Un convincente rapporto sulla rivista Gastroenterology offre una spiegazione radicalmente nuova ma logicamente valida del motivo per cui alcuni pazienti COVID-19 sviluppano insufficienza d’organo potenzialmente letale, vale a dire il loro elevato apporto di grassi insaturi
  • • I dati indicano che i tassi di mortalità COVID-19 sono fortemente influenzati dalla quantità di grassi insaturi che si mangiano. In poche parole, l’assunzione di grassi insaturi è associata ad un aumento della mortalità da COVID-19, mentre l’assunzione di grassi saturi riduce il rischio di morte
  • • I ricercatori ritengono che il trattamento precoce con calcio e albumina d’uovo ridurrà i tassi di insufficienza d’organo e di ricoveri in terapia intensiva, poiché legano i grassi insaturi e riducono il danno d’organo
  • • L’acido linoleico Omega-6 (LA) costituisce la maggior parte degli omega-6 consumati ed è il principale contributore a quasi tutte le malattie croniche, perché se consumato in quantità eccessive, LA agisce come un veleno metabolico .